13 Maggio

ROSI PI MARIA

Oturi

Alphonse Doria

(Da: DI PRIMA MATINA – Siculiana, 13 Maju 2012)

E’ lampanti e chiaru

C’a Maria nostra Matri

i rosi ca ci purtaru

piaceru chiù di l’atri.

Rosi c’‘un s’accattanu

truvati nn’i jardina

cchiù ‘nfunnu e luntanu

jntra a nostra anima

e cugliuti di pirsuna.

Ma’ ci avvissimu jutu

senza un forti vuliri,

ma’ l’avissimu truvatu

senza add’jntra circari.

Li petali sunnu fatti

d’i vasati ma’ dati

e di l’abbrazzati rutti.

U stelu tisu tisu

comu u’ “NO!” c’ascutati

risulutu ed uffisu;

chinu chinu di spini

ca dettimu sbadati,

macari senza ‘un fini,

puru natri avuti

e nn’u cori tinuti

suffrennu ma muti.

Parfumanu sti rosi

ca fannu inebriari,

d’amuri supra li cosi,

giustu ed essenziali,

truvatu n’u pirdunu

e tantu pintimentu

di ogni veru omu

Ca havi sintimentu.

Ormai è chiaro che a Maria piacciono le rose, quelle rose raccolte di persona, trovate nei giardini più nascosti della nostra anima, dove noi non ci saremmo mai immaginati di andare, dai petali di ogni bacio mancato, dallo stelo dritto come un categorico “no”, da tutte quante le spine delle sofferenze che abbiamo dato senza esserci accorti e che abbiamo ricevuto in silenzio, da quel profumo inebriante di quell’amore giusto, ritrovato, essenziale, del perdono e del pentimento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: