15 Maggio – AUTONOMIA

Sicilia Naziuni mia, ridutta ‘nmucca a tanti cani ca ti strazzanu lu cori. Mentri u sangu di li nostri Fratuzzi pi l’Indipendenza fu pagatu cu st’Autonomia, ca ancora disiamu … ancora c’è cu sparpaglia paroli a lu ventu comu pruvulazzu ‘nna l’occhi. Dimmi unn’è a rivoluzioni? Unn’è l’Autonomia? Unn’è u rispettu d’u Populu Sicilianu? ‘Nfami e tradituri!

Quannu u Re Savoia ‘nfretta e furia firmà sta carta u Quinnici Maju d’u Millinovicentuquarantasei pinzaju: “accuntintamuli accussì, ca po’ si vidi …” Stava a Nautri Siciliani fallu addivintari strumentu di Autuditirminazioni. Tanti anni hannu passatu, tanti diputati s’hannu sintutu vicirè, e peggiu di li stranii hannu arraffatu chiddu c’hannu pututu e hannu vinnutu la Patria, la Terra e lu Populu. Ancora sta a Nautri Siciliani nesciri li scagli pi falli scantari.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: